1) La lingua. In India si parlano circa 500 lingue diverse. Il principale idioma è l'Indi poi l'Assamese, il Bengalese,ecc. Alcune lingue sono riconosciute dalla costituzione, altre sono dialetti locali. Con questa molteplicità di idiomi sarebbe impossibile pensare ad uno stato unitario. La lingua inglese è stato il vero collante dell'India.

 

2) Il sistema scolastico: è forse la più clamorosa delle contraddizioni che caratterizzano il paese. L’India sforna il più grande numero di ingegneri al mondo e ha il più elevato numero di bambini che non vanno a scuola. Crea 2 milioni di laureati all’anno, ma un terzo della popolazione è analfabeta.
Questa situazione è il risultato di diversi fattori storici e sociali. La scuola, di matrice occidentale, è stata introdotta nel 1854 dagli inglesi con l’intento di formare una ristretta cerchia di indiani che gestisse la macchina amministrativa dell’impero, non certo per istruire le masse. A quei tempi la tradizione locale voleva che solo i figli di casta alta fossero educati in lingua sancrita da un guru, un maestro. L’istruzione degli inglesi venne accolta come un mezzo per allontanare lo spettro del lavoro manuale e scalare la gerarchia sociale.
Nel 1947 l’India era un paese profondamente analfabeta, dove l’istruzione era diventata un diritto quasi ereditario. I padri della Costituzione considerarono fondamentale l’alfabetizzazione di massa per creare una nazione che non si lacerasse in rivoluzioni violente, ma per i vari capi di governo e politici dei difficili anni del post indipendenza la scuola non fu una priorità. La scelta politica di introdurre le lingue regionali come veicolo di insegnamento portò la borghesia a optare per scuole private che insegnavano in inglese. Senza il supporto della classe medio-alta la scuola elementare rimase a languire, abbandonata dai politici che dirottarono gli scarsi fondi pubblici verso la scuola superiore con il sogno di costruire un paese moderno e tecnologico.

scuola-tribale-india-88251988.jpg
una classe di una scuola indiana

 

3) il sistema ferroviario: attraversa e collega tutto il paese. L'India non può contare molto sulle strade in quanto l'automobile non è diffusa in tutti gli strati della popolazione ed inoltre a causa del clima monsonico e delle conseguenti piogge, molte strade sono del tutto impraticabili per molti mesi all'anno.

Il treno è dunque il mezzo di trasporto più diffuso ed alla portata di tutti.

 

ImprovingIndiasRoads_RT.jpg
cf157b312c.jpg
 
Brett-Cole-India-06750_xgaplus.jpg
 
 20170812_232459s.jpg
 treno-indiano.jpg
 xbkby_India-tragedia-sui-binari-deraglia-treno-1-658x420-1280x720.jpg
 unnamedgfhfgh.jpg
 DlXw5qnW4AMbrPJ.jpg

 








Copyright © 2021 . All Rights Reserved.

Design by  ebosi