Il 14 luglio del 1853 il Commodoro Matthew Perry, comandante della squadra navale delle Indie/FarEast, mise piede sulla spiaggia di Kurihama (circa 80 km a sud di Tokyo) per consegnare alle autorità giapponesi una lettera del presidente Fillmore che chiedeva l'apertura di relazioni commerciali. Fu un fatto destinato a cambiare la storia del mondo. Il Giappone viveva da quasi due secoli e mezzo in un isolamento totale, dopo essersi chiuso ermeticamente al mondo esterno. Quello di Perry fu un atto di violenza e minaccia. Arrivò con 4 navi da guerra, di cui due "navi nere" a vapore, spronato dalla volontà del suo governo di promuovere il commercio americano in Asia (per questo erano necessari punti di appoggio nell'arcipelago) e anche dalla consapevolezza del "destino manifesto" dell'esuberante nazione americana (con il senso di una missione civilizzatrice nel cercare di inserire un altro popolo nel mondo moderno). Perry ignorò le leggi giapponesi che proibivano agli stranieri di avvicinarsi alla baia di Tokyo e fece aleggiare una minaccia di guerra. Il governo shogunale cedette per guadagnare tempo e accettò la consegna della lettera. Perry avvertì che sarebbe tornato l'anno dopo, con un numero maggiore di "navi nere", a ricevere la risposta. Tecnologicamente, il Giappone non poteva resistere: aveva solo qualche colubrina portoghese del '600. Così il 31 marzo 1954 venne firmato il Trattato di Kanagawa, che apriva due porti giapponesi e dichiarava una amicizia eterna tra i due Paesi. Il risultato quasi immediato fu la guerra civile in Giappone (che pose fine allo shogunato e finì per inaugurare la nuova era imperiale), mentre in seguito si verificò uno sviluppo prodigioso del Paese, che in pochi decenni divenne una potenza mondiale, con vittorie militari su Cina (1895) e Russia (1905). La lotta per il predominio in Asia e in particolare per il mercato cinese inasprì i contrasti tra Washington e Tokyo, che sfociarono nelle maggiori violenze della storia: Pearl Harbor, le maggiori battaglie aeronavali di sempre, i feroci conflitti nelle giungle delle isole del Pacifico e infine Hiroshima e Nagasaki.23302075f4e622ac908df675f5dfa69f.jpg








Copyright © 2021 . All Rights Reserved.

Design by  ebosi